Come eravamo

Nel lontano 1929 i fratelli Antonio e Gaetano De Filippi iniziano a produrre le prime mattonelle in cemento.

Dopo aver maturato esperienza come mosaicisti presso le già conosciute aziende del settore (Prinari, Peluso, Ingrosso) decisero di fondare la propria azienda.

Il primo stabilimento aveva sede a Lecce, in via Marino Brancaccio ed erano impiegati quindici dipendenti.

Il boom economico, l'attenta amministrazione e la grande qualità dei prodotti De Filippi, permisero in pochi anni ai fratelli De Filippi di creare un nuovo e più grande stabilimento a Lecce, in via Presta, dove erano impiegati 35 dipendenti.

Nello stabilimento iniziarono a lavorare anche i figli di Antonio De Filippi: Concetta, Ugo e Osvaldo che dopo alcuni anni decidono di intraprendere strade differenti.

Ugo De Filippi, proprio disegnando pavimenti, ha scoperto la propria vena artistica che l'ha portato ad essere un pittore quotato.

Ugo creò una nuova azienda, Ima Pavimenti, nel 1958, aprendo il primo stabilimento in via Imbriani per spostarsi, successivamente, nella zona Industriale di Lecce con una nuova sede.

Alla fine degli anni '70 proprio Ugo ha riproposto la tecnica di produzione dei mattoni a decoro nei formati 40x40, 25x25 e 20x20 cm elaborando un nuovo metodo produttivo industrializzato che ha aumentato notevolmente la quantità prodotta.

Osvaldo De Filippi lascia la fabbrica del padre ed apre il primo laboratorio a Surbo (LE), in via Trento.

Nel 1965 inaugura la nuova sede in via Francesco Marzano, Zona Industriale di Lecce, che è l'attuale sede della società.

Osvaldo si specializza nella produzione di mattoni per esterno. Oltre ai classici modelli 25x25 e 40x40 cm, Osvaldo crea il nuovo formato esagonale, che in breve tempo diventa il mattone più richiesto, il formato rettangolare 25x50 e l'innovativo formato "Farfalla" 33x40 cm.

A questi si aggiunge la produzione dei lavati e lavati a disegno, dei levigati da esterno in molteplici disegni, dei rivestimenti grezzi e sabbiati in spessore ridotto (per renderli maggiormente adatti all'utilizzo specifico), prodotti allora sconosciuti in diversi zone d'Italia.

I prodotti innovativi hanno consentito alla nuova azienda di imporsi come leader nel mercato dei pavimenti per esterno.

Alla fine degli anni '80, Osvaldo, spronato dai figli Enrico e Fabio, riprende la produzione dei mattoni a decoro in graniglia e pastina di cemento.

Nel 2003, alla morte di Ugo, la fabbrica Ima Pavimenti cessa l'attività e gli eredi donano gli stampi e gli asset dell'azienda alla fabbrica Osvaldo De Filippi.

Insieme agli stampi della Ima Pavimenti, l'azienda di Osvaldo eredita anche le linee produttive del padre Antonio De Filippi.

Nel 2006, alla morte di Osvaldo, l'azienda passa nelle mani dei due figli, Enrico e Fabio, che gestiscono questa attività con lo stesso spirito ed amore dei propri antenati e con lo stesso concetto: "Produrre ogni mattone come se fosse per la propria casa".

Nel 2007 la Fabbrica di Mattoni Osvaldo De Filippi rileva tutta l'attrezzatura di produzione, stampi, decori della famosa azienda leccese Astoricchio & Figlio.

Nel 2014 viene completata l'acquisizione in termini di tecnologie e macchinari di Venix, azienda leader nel settore della produzione di pavimenti alla veneziana.

Oggi l'azienda raccoglie le linee produttive di cinque fabbriche.